Un fiore Rosso per Nzara – Sud Sudan

head

Contesto

Il Sud Sudan ha conquistato l’indipendenza dal Sudan nel 2011 a margine di una sanguinosa guerra tra il nord musulmano e il sud cristiano. L’avvio della nuova esperienza di indipendenza non ha tuttavia coinciso con l’instaurarsi di una pace duratura: le dispute sul controllo di territori al confine tra i neonati Stati non hanno tardato a manifestarsi in ragione dell’abbondante ricchezza di risorse petrolifere. Nel 2013 il Paese è sprofondato in un persistente conflitto interno di natura politica ed interetnica che ha visto l’intervallarsi di diversi accordi di pace, non andati a buon fine. Malgrado ciò non si è perso l’obiettivo di raggiungere la pace. Il 12 settembre 2018 le parti coinvolte hanno firmato un accordo sotto l’egida delle Nazioni Unite e di alcuni governi regionali, che prevede la formazione di un governo di unità nazionale che possa accompagnare il Paese verso le elezioni del 2022. La scadenza è stata di comune accordo posticipata di cento giorni.

In ragione di questi avvenimenti il Paese si trova in una precaria situazione di instabilità politica, economica e socialeper cui il Sud Sudan figura come Paese prioritario dell’AICS dal 2016.

Le ripercussioni sulla Contea di Nzara, zona non direttamente coinvolta nel conflitto in atto, si concretizzano in una povertà diffusa e nella carenza di servizi essenziali, in particolare in ambito sanitario, che vedono principalmente vittime donne ebambini.

Il Progetto

Il progetto “Un fiore rosso per Nzara” è operativo da giugno 2019 nella Contea di Nzara, situata nella regione dell’Equatoria Occidentale, nella parte sud ovest del Sud Sudan. L’obiettivo generale è quello di migliorare le condizioni di vita della popolazione locale.

shutterstock_image

Proprio su questo aspetto Kenda Onlus ha deciso di intervenire con il supporto di partner locali quali la ONG statunitense Catholic Medical Mission Board (CMMB), le “Missionarie Comboniane – Missione di Nzara”, la Diocesi di Tombura – Yambio e con la Contea di Nzara, incentrando questo intervento in particolar modo sulla riduzione della mortalità e morbilità infantile e sul miglioramento della capacità di cura e diagnosi dell’Ospedale S. Teresa, unico presidio sanitario della zona, gestito dalle Missionarie Comboniane e centro sanitario di riferimento non solo per lo Stato dell’Equatoria Occidentale, ma anche per i territori confinanti della Repubblica Democratica del Congo e della Repubblica Centrafricana.hosp-viewstaff

Il progetto prevede, grazie ad un co-finanziamento delle Regione Puglia per mezzo della Legge n.40/2016- Azioni a sostegno della Cooperazione Internazionale, la costruzione e strutturazione di una Banca del Sangue che possa potenziare le cure fornite dall’ospedale. La banca del Sangue supporterà inoltre l’operatività delle due sale operatorie, del reparto materno-infantile e del reparto post-operatorio ultimati nel 2019. La Banca accoglierà donazioni volontarie ed effettuerà screening e stoccaggio del sangue donato. L’ospedale S. Teresa ha come priorità la prevenzione e cura di tubercolosi, lebbra e AIDS, e l’assistenza sanitaria ai bambini minori di 5 anni per combattere l’elevata mortalità e morbilità infantile. Il complesso chirurgico nella sua futura configurazione permetterà dunque di fornire soprattutto a donne e bambini una una risposta sanitaria ampia ed adeguata.

Di pari passo con l’attività infrastrutturale, i partner in loco manterranno un contatto costante con le comunità locali, sensibilizzandole sull’importanza della donazione del sangue, e più in generale della prevenzione, diagnosi precoce e cura, al fine di stabilire una relazione di fiducia reciproca ed avvicinare le comunità ad un ricorso più costante alla medicina professionale, a scapito di quella ancora largamente diffusa della medicina tradizionale.

sum-up

Be Sociable, Share!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>